skip to Main Content

I simboli nelle etichette degli abiti: cosa significano?

Nella maggioranza degli abiti che quotidianamente indossiamo, sono presenti dei simboli che ci forniscono preziose indicazioni sul modo di prenderci cura dei nostri vestiti.

Non sempre, tuttavia, i simboli che appaiono stampati sulle etichette sono di facile decifrazione.

Vediamo i significati dei principali!

Va innanzitutto fatta una prima distinzione tra i simboli del lavaggio, quelli relativi alla stiratura e asciugatura e quelli per il candeggio.

Simboli di lavaggio

Questo simbolo raffigura un bacinella di acqua sbarrata e, come è facilmente intuibile, indica che il capo di abbigliamento può essere lavato solo a secco.
Anche in questo caso è facile intuire che il capo può essere lavato solo a mano e a una temperatura non superiore ai 40° C.
Tutti i simboli raffiguranti una bacinella ci comunicano che possiamo lavare l’indumento (in lavatrice) a una temperatura non superiore a quella indicata (nel caso dell’esempio qui riportato, a non più di 30°C).
Se la bacinella presenta anche una linea nella parte inferiore, dobbiamo prestare maggiore attenzione e lavare il nostro abito con un programma a bassa velocità.
Quando le linee sono due, allora è preferibile un ciclo ancora più delicato.

Simboli di stiratura e asciugatura

Questi simboli sono piuttosto intuibili:
Il vestito non va stirato.
Se il ferro da stiro non è barrato e al suo interno appaiono dei pallini, questi indicano l’intensità del calore con cui si consiglia di stirare il capo:
Ferro a massimo 110°C
Ferro a massimo 150°C
Ferro a massimo 200°C
Questo simbolo indica che l’abito può essere asciugato con l’asciugatrice ma a temperatura contenuta (se i pallini sono due, invece si può impostare la temperatura normale).

Simboli di candeggio

Quasi sempre, infine, vi è nell’etichetta un simbolo che fa riferimento al candeggio: si tratta di un triangolo che, se barrato, ci indica che il capo non può essere trattato con candeggianti.

Se nell’etichetta è invece presente un triangolo non barrato, allora quell’abito può essere trattato con candeggianti a base di cloro e ossigeno.
Questi sono solo alcuni – i più frequenti – dei numerosi simboli che si trovano nelle etichette. La loro corretta lettura ci permette di mantenere i capi come nuovi più a lungo, rispettando sia i colori che la tenuta del tessuto.

 

This Post Has 0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello
Back To Top